Manutenzione inferriate, come farla

Manutenzione inferriate, come farla

Se hai scelto di dotare le tue finestre e i tuoi balconi di inferriate, per sentirti più sicuro, sai bene che serve anche fare una regolare manutenzione, non solo per garantirne il funzionamento ma anche la resa estetica.

Le inferriate, infatti, possono essere soggette a ruggine o ad un mal funzionamento delle cerniere di apertura e chiusura.

Dopo averle realizzate sarà il fabbro a spiegarti come riuscire a mantenerle sempre pulite per evitarne il cattivo funzionamento.

Se, infatti, diventasse impossibile aprirle si renderebbe necessario l’intervento immediato di un fabbro esperto che possa raggiungere immediatamente la casa e risolvere il problema.

In questo caso il pronto intervento fabbro è l’unica scelta possibile grazie alla sua massima reperibilità 7 giorni su 7 e h24.

Perché fare manutenzione alle inferriate.

Se hai notato un eccessivo deposito di sporcizia o ruggine sulle tue inferriate è evidente che la manutenzione non è stata fatta correttamente.

La loro esposizione alle intemperie con gli sbalzi di temperatura dal freddo, alla pioggia e all’inquinamento, espone le inferriate a deterioramento e polvere.

Non solo, anche la vernice può staccarsi e questo rischia di generare la temibile nemica del ferro: la ruggine!

Il fabbro esperto avvisa subito il cliente di questa evenienza: servirà una periodica manutenzione che potrai fare da solo, per prevenire o riparare a situazioni così spiacevoli.

L’acciaio zincato, infatti, pur essendo molto resistente richiede una pulizia continua. Vediamo come svolgerla periodicamente.

Come manutenere le inferriate

Per prima cosa è necessario rimuovere la polvere sulla grata: residui di sabbia o di altro materiale vanno immediatamente spazzati via con panni in microfibra capaci di cogliere fino all’ultimo granello.

Se necessario, si può aggiungere dell’acqua tiepida che andrà poi asciugata con un panno in cotone. L’importante è non usare mai detergenti aggressivi veri nemici dell’acciaio zincato.

Se l’acqua non dovesse bastare si potrà al massimo utilizzare del sapone delicato sufficiente a rimuovere le macchie. La cosa a cui fare sempre attenzione è non sfregare eccessivamente per non compromettere la vernice dell’inferriata.

Per le macchie e gli aloni più ostinati prova questo mix: acqua, latte e un po’ di borotalco. Per quanto appaia una ricetta sui generis si rivela estremamente efficace se si usa con uno spazzolino per grattare in modo deciso, ma con la dovuta delicatezza, sulle macchie.

Per quanto riguarda poi le classiche incrostazioni dei metalli l’aceto si rivela un valido alleato, soprattutto se mescolato con acqua. Il procedimento è lo stesso: usare lo spazzolino per grattare oppure un panno per sfregare dolcemente.

Passaggio finale fondamentale è quello di risciacquare abbondantemente e asciugare il tutto.

Come avere inferriate sempre brillanti.

Per avere inferriate che mantengano un aspetto inalterato nel tempo, la fase di lucidatura è essenziale. Per riavere le inferriate esattamente come quando il fabbro le ha installate basterà un po’ di olio.

Per quanto sia un metodo davvero semplice, assicurerà grande lucentezza alla grata, per dare maggiore evidenza a questa brillantezza sarà necessario passare anche un panno asciutto e pulito per rimuove l’olio in eccesso.

rosita